Penzu spissu a la me terra

PINSANNU A LA ME TERRA

Penzu spissu a la me terra,
e a li prugetti di quannu
carmusciu, jittatu ‘nna li strati,
facia cu l’amici:
– u Mizzagnu è paisi d’oru!-
Diciamu ‘n coru;
– a Sicilia è bedda! –
Gridavamu currennu
‘nna li strati balatàti,
sutta lu suli cucenti;
vuci di ‘nnuccenti
ca, sulu a pinsarici,
ancora percianu lu cori.
Ora, a tempu scurdatu,
di li prugetti,
ristaru sulu li mali jurnati
chini di sciarri
e di morti ammazzati.
Li cumpagni di jocu, già granni,
abbrazzati forti a lu prugressu,
passianu stritti e ‘ntillicchiati
‘nna ddi strati ora chini di pici
ca cummogghia li balati
e lu carmusciu nnuccenti,
cu prugetti addisiati,
ancora ca grida: “bedda è la Sicilia”
finiri hannu li mali jurnati! –

(PENSANDO ALLA MIA TERRA

Penso spesso alla mia terra,
e ai progetti di quando
bambino, a giocare fra le strade,
facevo con gli amici:
– Belmonte è paese d’oro! –
Gridavamo in coro;
– la Sicilia è bella! –
Gridavamo correndo
sulla strada ciottolata,
sotto il sole cocente;
voci d’innocenti
che, solo a pensarci,
bucano il cuore.
Ora, a tempo scordato,
di quei progetti
sono rimasti solo brutte giornate
piene di liti
e di morti ammazzati.
I compagni di gioco, già grandi,
si abbracciano forte al progresso,
passeggiano stretti e agghindati
in quelle strade ora piene d’asfalto
che copre il ciottolato
e il bimbo innocente
con progetti desiderati
che ancora grida: – bella è la Sicilia,
finiranno le brutte giornate! –

(Visto 40 volte, 1 visite oggi)