Na cartata di simenza

‘NA CARTATA DI SIMENZA

Mentri spizulìu ‘na cartata di siménza,
guardu, affacciato a lu finistruni
a munti di la Chiesa Matri diruccata,
la vecchia vanidduzza balatàta,
unni, carmusciu, di festa ‘mpupàtu,
cu la manuzza stritta a lu me vecchiu
mi cunnuscìa pi la strata.
La tavirnedda era obblicu di sosta;
e ju, mancu a fallu apposta,
m’affruntava sintennu diri: <>
subitu lestu e a capu chinu
mi truvava ‘ntra li vrazza di me nonnu
ca guardava ridennu, stupìtu;
cumannannu a l’osti: <>.
Stanca la menti curri e pensa
a dda cartata di siménza
e a la chiazza china di genti
ca spizzulìa e senti, alluccarùta,
lu cantastorii di ‘na vota:
“lu trenu di lu suli”, “Turiddu Giulianu’’…
e li battiti di manu? S’aspetta lu finali:
“la storia di Turi Carnivali”;
la chiazza si leva a festa;
‘na vicchiaredda, ch’era zitta zitta,
grida d’un ciatu: <>
Gridu di sapienza, vuci di cuscenza…
Finiu puru la simenza;
di la vanedda mi sentu chiamari…
è lu ricordu ca nun mi voli lassari.

UNA CARTATA DI SEMENTI

Mentre mangiucchio una cartata di sementi,
guardo, affacciato al balcone
a monte della Chiesa Madre diroccata,
la vecchia viuzza acciottolata,
dove, bambino, di festa agghindato,
con la manina stretta al mio vecchietto
mi conduceva per la via.
La tavernetta era obbligo di sosta;
ed io, neanche a farlo apposta,
mi vergognavo sentendo dire:<>
presto svelto e a capo chine
mi trovavo tra le braccia di mio nonno
che, ridendo, guardava stupito;
dicendo all’oste: <>
Stanca la mente corre e pensa
a quella cartata di sementi
e alla piazza piena di gente
che mangiucchia e ascolta, sbalordita,
il cantastorie di una volta:
“il treno del sole”, “Salvatore Giuliano”…
e gli battiti di mano? S’aspetta il gran finale:
“la storia di Turi Carnevale”;
la piazza si leva a festa;
una vecchietta, ch’era zitta zitta,
d’un fiato grida: <>
Grido di sapienza, voce di coscienza…
Son finite pure le sementi;
dalla viuzza mi sento chiamare…
è il ricordo che non mi vuole lasciare.

(Visto 47 volte, 1 visite oggi)