Cumannu e dinaru un servinu

CUMANNU E DINARU NUN SERVINU

Patri,
tu mi dicisti un jornu:
-cu cumanna e havi dinari
è l’omu cchiù filici di sta terra-.
Pri tant’anni
vitti un riccu,
patri miu, cummannari.
Cchiù sordi si facia,
cchiù li gjoi e li biddizzi
di la vita si scurdava.
Lu cumannu nun ci mancava;
sulu ‘na cosa iddu circava
‘nta la vita e l’attruvava:
lu dinaru.
Passa u tempu e nun canusci
li sturtizzi di sta terra;
fui ‘n fretta e si nni futti
di lu riccu ca lu chiama
cu la morti a lu capizzu;
-lu dinaru nun mi servi!-
ci arrispunni.
Sulu allura s’addunau
lu gran riccu binistanti,
di lu sbagghiju ca facia;
ma fu tardu… mischineddu.

COMANDO E DENARI NON SERVONO

Padre,
tu m’hai detto, un giorno:
– chi comanda e ha denari,
è l’uomo più felice della terra.
Per tant’anni
ho visto un ricco,
padre mio, comandare.
Più di soldi s’arricchiva,
più le gioie e le bellezze
della vita non vedeva.
Il comando non gli mancava;
solo una cosa egli cercava
nella vita e lo trovava:
il denaro.
Passa il tempo e non conosce
le stoltezze della terra;
corre in fretta e se ne frega
del riccone che lo chiama
con la morte al capezzale;
– il denaro non mi serve!
gli risponde.
Solo allora si domanda
il riccone benestante,
del grande errore ch’egli ha fatto;
ma fu tardi… pover’uomo.

(Visto 43 volte, 1 visite oggi)